Cos’è?

La Web Analytics è un l’insieme degli strumenti ed azioni in grado di tracciare gli utenti di un sito web, capace di profilare l’utente per finalità statistiche o per fare marketing mirato.
Perciò possiamo definire la Web Analytics come l’arte di individuare nei dati, delle strategie e/o indicazioni utili per migliorare ed ottimizzare il business online di un’azienda.

Cos’è cambiato nella Web Analytics?

Oggi il mercato ha subito delle grandissime variazioni dovute a tanti fattori determinanti. Ciò che a noi interessa sapere sono le variabili derivate dal web, perciò analizzeremo tre elementi:

  •  Internet: permette di raggiungere qualsiasi informazione immediatamente e senza doversi spostare, semplicemente con un click.
  • Smartphone: permettono di essere connessi 24/7
  • Cloud computing: rende disponibile una potenza di calcolo quasi illimitata ad un prezzo molto ridotto.

Questi fattori hanno completamente cambiato il consumer journey dei clienti perché ogni tipo di informazione (prezzo, comparazioni, recensioni, ecc…) è disponibile al consumatore in qualsiasi momento.
Ovviamente visto il cambiamento che ha avuto il mercato dovremmo di conseguenza cambiare anche il nostro modo di agire.

 

Principali fattori per il successo

  • strategia di acquisizione ed archiviazione dei dati
  • specialisti con conoscenze tecniche adeguate sulla Web Analytics
  •  Processi ben definiti

Definizione aggiornata

Digital analytics is the analysis of qualitative and quantitative data from your business and the competition, to drive a continual improvement of the online experience that your customers and potential customer have which translates to your desired outcomes (both online and offline).

Avinash Kaushik

Web Analytics Evangelist , Google

La definizione più completa della nuova Web Analytics l’ha data Avinash Kaushik.

Avinash dice che la Web Analytics è l’analisi di dati qualitativi e quantitativi del tuo business e della concorrenza per una continua evoluzione dell’esperienza utente. Tutto ciò, se fatto bene ti porterà a raggiungere i risultati desiderati sia online che offline.

Le tipologie di dati

Analizziamo ora nel dettaglio le due tipologie di dati accennati da Avinash nella sua definizione:

  • Qualitativi: I dati qualitativi rispondono alla domanda “perchè” e non sono misurabili; un esempio possono essere le survey che permettono di avere un   feedback diretto dai proprio clienti per capire cosa è migliorabile.
  • Quantitativi: sono dati misurabili come statistiche e conversioni.

Per avere una buona analisi bisogna combinare i due dati così da avere sia una panoramica nuda e cruda dell’andamento di un sito o di una campagna, sia una prospettiva “umana” perché permette di avere un feedback dell’esperienza di navigazione.

Alcuni strumenti utili per la Web Analytics

Google Analytics

Sicuramente in una buona strategia di analisi web non deve assolutamente mancare Google Analytics, la piattaforma di analisi di Google. Ti permette di misurare una grandissima quantità di dati diversi, in più puoi creare dei parametri di misurazione personalizzati in base a ciò che ti interessa analizzare.
Per saperne di più leggi l’articolo Google Analytics.

google-analytics-img-jpg

Tool per l’analisi social

Molti Social Network ormai hanno un proprio strumento di analisi perché chi inizia campagne pubblicitarie ha bisogno di dati a riguardo; essi sono capaci di tenere tracci a dei principali dati dei social. Alcuni esempi possono essere Pinterest Analytics, FacebookInsights, Twitter Analytics e Instagram passando all’account business.

Hotjar

Uno strumento online molto utile e potente che ti permette di tenere traccia delle azioni dei tuoi utenti e vedere il oro comportamento nelle pagine del tuo sito web. Puoi farlo attraverso la sua funzione di generazione heat map, le mappe dei click, puoi vedere quanto i tuoi utenti scorrono le pagine e molto altro.

Conclusioni

Per diventare un bravo Web Analytics Specialist occorrono strumenti giusti, capacità di problem solving, saper vedere le cose da diverse prospettive e soprattutto tanta pratica. Esistono tantissime variabili da tenere in considerazione e quello che può risultare importante per un’azienda può essere completamente inutile per un’altra.

Servono anni di esperienza per imparare ad analizzare in modo ottimale tutti i dati che ti può fornire il web. La strada migliore all’inizio è quella affiancarsi a professionisti per riuscire a carpire qualche segreto e il metodo di lavoro.

Nel mentre puoi sempre provare a “giocare” con l’account demo di Google Analytics per capirne meglio il funzionamento in attesa del prossimo articolo riguardante questo argomento.